CORRIERE DELLA SERA_Il Motore ‘ITS’, Aziende a Caccia di Allievi


La formula degli Istituti Tecnici Superiori sta riprendendo quota. Ecco perché:

viaggio in alcune delle principali scuole d’Italia

Da Gaeta a Bergamo, dall’Umbria alle Marche: ecco un viaggio tra alcuni dei principali ITS italiani.

Il Caboto di Gaeta

Tra le scuole che preparano alle «professioni del mare» c’è la Fondazione ITS per la mobilità sostenibile -G.Caboto di Gaeta, che da quest’anno offre sia i corsi di durata biennale — uno per Conduzione del mezzo navale e un altro per la Gestione degli apparati e impianti di bordo — sia due percorsi per diplomati agli Istituti Tecnici Alberghieri e per il Turismo in «Gestione delle attività di bordo a servizio dei passeggeri - Hospitality & Food manager». Per i primi due corsi, alle circa mille ore di lezioni si avvicenderanno tre periodi di imbarco, anche sulle Navi d’Amico (tra i fondatori e soci), per 12 mesi, retribuiti, per il Diploma tecnico superiore (V livello EQF) e il titolo di Ufficiale di coperta o macchina. Per il terzo, invece, il periodo formativo sarà sulle navi «Corsica & Sardinia Ferries» di 7 mesi non continuativi retribuiti (www.fondazionecaboto.it).

L’Academy Umbra

L’ITS Umbria Made in Italy - innovazione, tecnologia e sviluppo è un’Academy tecnica di alta specializzazione post diploma, che forma tecnici superiori per l’automazione e i sistemi meccatronici ed è stata istituita dal ministero dell’Istruzione e dalla Regione Umbria. L’Academy realizza percorsi di istruzione terziaria rivolti a giovani diplomati. Oltre alle conoscenze tecnico scientifiche, è prevista una didattica mirata al mondo del lavoro, in raccordo con le esigenze delle imprese del territorio. Il percorso curriculare biennale è curato da professori universitari, professionisti e consulenti d’impresa e da docenti e tutor delle aziende partner. Al termine degli studi viene rilasciato dal Miur un diploma di Stato di V livello del Quadro Europeo delle Qualifiche – EQF (www.itsumbria.it).

Made in Italy a Fermo

All’ITS di Fermo, nelle Marche, per le Nuove tecnologie per il made in Italy nel settore moda e calzature, oltre al corso di «Tecnico superiore della produzione, qualità e innovazione nel sistema moda», è partito a novembre anche il nuovo corso di «Tecnico superiore delle produzioni e del marketing nel sistema agroalimentare». Un percorso di 1.800 ore di cui 800 di tirocinio, attivato ad Ascoli Piceno grazie al coinvolgimento dell’IIS Ulpiani per tecnici delle produzioni e trasformazioni agrarie, agroalimentari e agroindustriali (https://www.itssmart.it/).

La chimica a Bergamo

L’ITS per le Nuove tecnologie della vita di Bergamo è una Fondazione che ha come principale obiettivo promuovere la diffusione della cultura tecnica e scientifica. Forma tecnici professionisti nelle aree tecnologiche strategiche per lo sviluppo economico e la competitività, in particolare nel campo chimico, chimico-farmaceutico, nutraceutico e ambientale. Gli operatori in uscita dai percorsi dell’Istituto sono specializzati nell’applicazione di metodi e processi tradizionali e/o innovativi nello studio, ricerca, sviluppo, identificazione, sintesi e produzione di molecole o prodotti su base biotecnologica. I 5 corsi previsti sono in biotecnologie industriali, chimica industriale, chimica della gomma e del PTFE, lavorazioni chimiche e plastiche e impianti chimico-farmaceutici(www.fondazionebiotecnologie.it).

Meccanica lombarda

La Fondazione «Istituto Tecnico Superiore Lombardo per le Nuove tecnologie meccaniche e meccatroniche», presieduta da Monica Poggio e che ha tra i suoi fondatori Assolombarda, Confindustria Bergamo e l’Università di Bergamo, ha la sede centrale a Sesto San Giovanni e sedi corsuali anche a Lonato del Garda, Bergamo e Lecco. Tre i corsi proposti: per «Tecnico superiore per l’automazione ed i sistemi meccatronici industriali» che opera per realizzare e programmare macchine e sistemi automatici destinati ai più diversi processi e settori industriali, per «Tecnico superiore per la automazione e i sistemi meccatronici biomedicali» e per «Tecnico superiore per l’automazione e i sistemi meccatronici autoferrotranviari» (www.itslombardiameccatronica.it).

Logistica a Piacenza

L’ITS per la Mobilità sostenibile e la logistica di Piacenza si propone come una Scuola speciale di tecnologia con corsi biennali post diploma di alta specializzazione per la formazione di tecnici superiori nell’area tecnologica della logistica e della mobilità delle merci. Previsto un corso a Piacenza per «Tecnico superiore della Supply chain e dei Sistemi informativi logistici» (www.itspiacenza.it).

L’aerospazio a Torino

All’ITS Mobilità sostenibile Aerospazio/Meccatronica di Torino si tengono tre diversi corsi biennali: Meccatronica e Aerospazio, Sistemi integrati di produzione e logistica e Trasporti. Il primo per lo sviluppo e programmazione di sistemi meccatronici per la produzione flessibile, i sistemi di automazione industriale e i sistemi meccatronici di bordo, mentre il secondo ha l’obiettivo di formare nella progettazione di macchine e impianti innovativi per il settore meccatronico, nella gestione dei processi produttivi e nel controllo qualità attraverso le tecnologie 4.0. (www.its-aerospaziopiemonte.it).

Meccatronico a Bari

All’ITS Antonio Cuccovillo - Area Nuove Tecnologie per il made in Italy - Sistema Meccanico-Meccatronico di Bari sono appena stati approvati 7 nuovi corsi in partenza da novembre. C’è quello in Innovazione di prodotto e processo per formare un profilo meccatronico per l’ingegnerizzazione industriale con Bosch; quello di Automazione robotica e sistemi meccatronici; il corso in Innovazione di prodotto e processo-controllo lean dei processi produttivi, marketing e retail con Natuzzi; quello per la gestione e manutenzione degli impianti industriali con Sanofi; quello per tecnico specializzato in gestione dei processi produttivi e manutentivi con Magneti Marelli (www.itsmeccatronicapuglia.it).

Innovazione a Napoli

Alla Fondazione ITS per le Tecnologie innovative per i Beni e le Attività culturali e turistiche di Napoli l’offerta per il biennio 2018-2020 prevede un corso Turismo 4.0, in tecnologie innovative IoT Turistico, Restauro 4.0: tecnologie innovative, edifici, giardini, parchi storici, Cinema e Audiovisivo: Tecnologie produzione e post-produzione. L’ITS è una scuola specializzata che ha il compito di costruire le competenze sulle tecnologie innovative nelle filiere di riferimento, ovvero nelle filiere del turismo e dei beni e delle attività culturali. Tra i soci l’Università di Roma «La Sapienza» e tra i partner l’Università di Napoli «L’Orientale», l’Università «dei Sapori» di Perugia (www.fondazioneitsbact.gov.it).

L’energia di Padova

La Fondazione ITS Red (risparmio energetico e nuove tecnologie in bioedilizia all’interno dell’area area tecnologica dell’efficienza energetica) di Padova, nasce da una molteplicità di soggetti pubblici (ITG Belzoni-Boaga di Padova, Provincia di Padova, Università e IIS Einaudi di Badia Polesine) e privati (Ance Veneto, Ance Padova, Collegi geometri e geometri laureati di Padova, Forema, Cpipe) ed ha come Istituto superiore di riferimento l’Itg Belzoni-Boaga di Padova. I corsi sono tenuti all’Istituto sono per Green manager, Building manager, Marketing manager, Energy manager (www.itsred.it).