ITS Umbria miglior Istituto Tecnico Superiore d’Italia


-------

  RASSEGNA STAMPA (per sacricarla clicca qui)

Graduatoria ITS MIUR 2016 (per sacricarla clicca qui)

---

---

---

ITS Umbria miglior Istituto Tecnico Superiore d'Italia

---

L’Its Umbria made in Italy – Innovazione, Tecnologia e Sviluppo” si aggiudica il premio per il miglior percorso nazionale di studi post diploma fra tutti i corsi ITS valutati dal MIUR.

Nella sala della Comunicazione presso il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca sono stati presentati gli esiti del monitoraggio relativo agli Istituti Tecnici Superiori: al primo posto tra i percorsi di studio che hanno raggiunto più elevati standard di eccellenza spicca l’ITS Umbria.

Un prestigioso risultato per la nostra Regione che dà lustro al territorio e a tutti i soggetti che a vario titolo contribuiscono al funzionamento della Fondazione. In particolare la Regione Umbria che svolge un ruolo essenziale con la programmazione degli indirizzi, sostenendo finanziariamente tutti i percorsi formativi. Determinante anche il ruolo di Istituti Scolastici, Università degli Studi di Perugia ed imprese che uniscono le rispettive competenze per elaborare una formazione sempre più aderente alle richieste del mondo del lavoro, favorendo in tal modo il successo occupazionale. Fondamentale, a tal proposito, il ruolo delle associazioni di categoria: oltre a Confindustria Umbria, che ha creduto sin dall’inizio nel progetto promuovendo e costituendo la Fondazione, partecipano alla stessa ANCE, CNA, Confagricoltura e Collegio dei Geometri. Di rilievo, infine, la partecipazione attiva di oltre cento imprese la cui collaborazione risulta essenziale a supporto delle scelte didattiche e della individuazione dei tirocini.

Sono 86 oggi le Fondazioni presenti su tutto il territorio nazionale. La graduatoria è stata elaborata sulla base del monitoraggio realizzato dal MIUR per legare i finanziamenti a precisi criteri di qualità. In testa, come sottolineato dal Sottosegretario Gabriele Toccafondi, non ITS del nord, seppure logicamente molto presenti, ma l’ITS della regione Umbria. A significare che il successo di queste nuove accademie tecniche è strettamente legato all’efficienza organizzativa ed al rapporto con il tessuto industriale.

Un’analisi più in generale dei risultati del monitoraggio nazionale non può che essere positiva e incoraggiante. Fra tutti gli studenti diplomati, ad un anno di distanza dalla conclusione del corso, l’81,1% ha un’occupazione. “Con questo monitoraggio si vuole capire in che modo il sistema sta funzionando, quali sono le strategie che si sono rivelate vincenti, quali le criticità da analizzare – ha sottolineato il Sottosegretario Gabriele Toccafondi - Gli ITS ci parlano con i loro numeri! Sono numeri che ci convincono che questa è la strada giusta per ricostruire il legame vincente tra istruzione, formazione, università e impresa. Quando la scuola dialoga sistematicamente con l’impresa i risultati si vedono. Stiamo lavorando per creare anche in Italia – ha concluso il Sottosegretario - un sistema terziario professionalizzante e gli ITS possono essere il cardine centrale del nostro modello e questi primi risultati ci dicono che stiamo andando nella giusta direzione”.

Ma quali sono le indicazioni che il MIUR ha fornito per un futuro ancor più roseo? Uno su tutti: meno Fondazioni e più corsi. Questo l’auspicio che il sottosegretario Gabriele Toccafondi e il Direttore Generale per gli Ordinamenti Scolastici Carmela Palumbo hanno voluto con forza sottolineare.

Ebbene, anche sotto questo aspetto, l’ITS Umbria sta lavorando nella giusta direzione, in stretto raccordo e con il supporto della Regione Umbria. La Fondazione ITS della nostra regione ha, infatti, sin dall’inizio intrapreso la via indicata dal MIUR, avendo attivato già dal 2015 ben 5 percorsi formativi: Automazione e Sistemi Meccatronici, Innovazione e qualità delle abitazioni, Responsabile delle produzioni agroalimentari, Ricerca e sviluppo biotecnologico, Marketing e internazionalizzazione.

In linea con tale programmazione, l’ITS Umbria propone un'offerta formativa professionalizzante e pratica, finalizzata ad un ingresso immediato e coerente nel mercato del lavoro.

“In una realtà in cui oggi evidenti sono le difficoltà di occupazione, abbiamo dato ai giovani competenze, lavoro e fiducia nel futuro” – ha affermato il Presidente della Fondazione ITS Umbria Gabrio Renzacci, ringraziando tutti coloro che lavorano con capacità e passione per il raggiungimento di tali risultati.

Il rapporto tra pubblico e privato in questo caso è fondamentale – ha concluso l’assessore Bartolini - e dimostra che se attuato nella giusta maniera e direzione porta importanti risultati. E proprio per questi motivi la Regione crede fortemente nel percorso legato agli istituti tecnici superiori ed investe molte risorse per realizzarli”.