Tecnico superiore per la ricerca e lo sviluppo di prodotti e processi a base biotecnologica




La figura professionale, che il corso si propone di formare opera nei comparti chimico,
chimico-farmaceutico, ambientale e dei biomateriali partecipando sia alle attività di ricerca e sviluppo sia a quelle di pianificazione, realizzazione, gestione e controllo di progetti, processi, attività e impianti, contribuendo alla corretta applicazione di procedure di produzione.
Agisce nel rispetto degli standard di qualità e delle normative internazionali, comunitarie e nazionali che disciplinano i comparti. Interviene nella valutazione dell’impatto ambientale degli impianti e delle emissioni, per garantire l’ecosostenibilità dei processi e dei prodotti.

DURATA PERCORSO FORMATIVO:
1800 ore distribuite in quattro semestri di cui 800 di tirocinio aziendale.




DESTINATARI:

20/25 partecipanti in possesso di diploma di scuola media superiore.




Il programma didattico: oltre a fornire competenze di base trasversali come quelle linguistiche, informatiche, matematiche, di organizzazione aziendale, contabilità industriale, qualità, sicurezza etc., approfondirà tematiche tecniche nel settore quali tecniche di fermentazione per prodotti biotecnologici; processi industriali per la produzione di bio-based products; tecniche analitiche, metodologie strumentali, tecniche di acquisizione dati; culture di contesto in riferimento alle legislazioni nazionali e comunitarie; origini e produzione delle biomasse; filiera dei rifiuti, recupero, riutilizzo e riciclo delle materie. In collaborazione con ARPA Umbria sarà sviluppato un modulo relativo alle analisi delle emissioni. La stesura di questo progetto vede la partecipazione attiva e diretta delle aziende, della scuola e in particolar modo dell’Università degli Studi di Perugia con i vari dipartimenti interessati e dell’Agenzia Regionale per l’Ambiente dell’Umbria.



DOCENTI COINVOLTI
I docenti provengono dal mondo delle imprese, delle professioni, delle università e delle scuole superiori.



METODOLOGIA DIDATTICA

Il modello metodologico di riferimento è quello dell’alternanza “scuola impresa” caratterizzato da un approccio formativo prevalentemente laboratoriale ed esperienziale, finalizzato ad immergere i partecipanti in un processo di apprendimento in cui sono fortemente coinvolti e stimolati da compiti pratici concreti e misurabili, analoghi a quelli che gli stessi saranno chiamati a svolgere in azienda.

Aree didattiche e unità formative