Tecnico Superiore per l’Innovazione e la Qualità delle Abitazioni



La figura professionale, che il corso si propone di formare, acquisisce elevate competenze negli ambiti relativi al Building Information Modeling (BIM) e a tutti gli aspetti ad esso correlati. Questo riguarderà la parte riguardante la progettazione dell’edificio, quindi il modello 3D, ma anche tutte le attività di filiera, quindi anche la realizzazione e la gestione dell’edificio stesso. La figura acquisisce quindi competenze per la progettazione, cantierizzazione e gestione, in quanto il BIM investe tutta la filiera delle costruzioni ed è applicabile all’intero ciclo di vita dell’edificio o dell’infrastruttura. Il Tecnico superiore acquisisce specifiche competenze nelle diverse tecnologie, utilizza soluzioni impiantistiche e materiali innovativi del “Made in Italy” per garantire e migliorare la qualità, la sicurezza e la conservazione del patrimonio edilizio. Anche questo aspetto sarà correlato all’utilizzo del BIM, che pertanto rappresenterà il contenitore dei vari argomenti e competenze connesse. La figura professionale in uscita saprà documentare le condizioni delle strutture, con speciale riguardo al rischio sismico, alla qualità degli impianti e alle finiture. In termini di progettazione sarà data particolare cura alla parte delle più moderne tecnologie di costruzioni antisismiche. Infine, acquisisce competenze in materia di gestione della commessa e del cantiere edile.


DURATA PERCORSO FORMATIVO:

1800 ore distribuite in quattro semestri di cui 800 di tirocinio aziendale.


DESTINATARI:

20/25 partecipanti in possesso di diploma di scuola media superiore.



Programma didattico: oltre a fornire competenze di base trasversali come quelle linguistiche, informatiche, matematiche, di organizzazione aziendale, contabilità industriale, qualità, sicurezza etc., approfondisce le tematiche legate al BIM ed a tutte le fasi relative all’intervento edilizio: dall’aspetto architettonico del progetto all’espletamento delle procedure di concessione edilizia e di stesura dei capitolati tecnici d’appalto, oltre che alla gestione dell’intero ciclo di vita del cantiere, prima, e dell’edificio poi. In ottica BIM e della creazione della figura di esperto in modellazione digitale, la programmazione didattica coinvolgerà le tecniche di base ed i principali software BIM. Il progetto prevede la partecipazione del CESF di Perugia, così come degli Istituti Tecnici per Geometri, dell’università, del Collegio dei Geometri della Provincia di Perugia, delle aziende e degli studi professionali.



DOCENTI COINVOLTI
I docenti provengono dal mondo delle imprese, delle professioni, delle università e delle scuole superiori.


METODOLOGIA DIDATTICA

Il modello metodologico di riferimento è quello dell’alternanza “scuola impresa” caratterizzato da un approccio formativo prevalentemente laboratoriale ed esperienziale, finalizzato ad immergere i partecipanti in un processo di apprendimento in cui sono fortemente coinvolti e stimolati da compiti pratici concreti e misurabili, analoghi a quelli che gli stessi saranno chiamati a svolgere in azienda.


Aree didattiche e unità formative