Trasformazioni agroalimentari e agroindustriali



TECNICO SUPERIORE RESPONSABILE DELLE PRODUZIONI E DELLE TRASFORMAZIONI AGRARIE, AGRO-ALIMENTARI E AGROINDUSTRIALI 



IL PROFILO:

È una figura in grado di gestire e sovrintendere i processi di produzione del settore agricolo lungo l’intera filiera produttiva per tutti gli aspetti in cui si richieda conoscenza della normativa di base (regolamentazione territoriale, sanitaria e ambientale), degli strumenti programmatici di sostegno, delle tecnologie e delle prassi applicabili per la produzione e la trasformazione. Il Tecnico Superiore unisce solide basi di competenza agronomica e di coltivazione a competenze afferenti le fasi di trasformazione e controllo dei prodotti agricoli. Sa usare le moderne tecnologie ed è competente in materia di sicurezza, igiene, sanità degli alimenti nonché nella pianificazione territoriale, nella programmazione finanziaria e nell’ambito dello sviluppo rurale di metodologie, principi e logiche di management aziendale. Il profilo acquisisce nel percorso formativo alcune importanti soft skills quali il pensiero critico, la leadership, la capacità di problem solving e di lavorare in team. Grazie alla sua trasversalità partecipa alla progettazione di interventi relativi ai diversi processi di filiera promuovendo l’innovazione nelle fasi di produzione, conservazione, prima e seconda trasformazione; rispondendo efficacemente alle esigenze del mercato e assicurando il rispetto di standard di qualità e sicurezza. Il Tecnico Superiore, in particolare, è capace di orientare le attività di ricerca e sviluppo dei processi e dei prodotti nell’ottica di un miglioramento produttivo e qualitativo, con soluzioni sostenibili e tecnologicamente innovative (Agrolimentare 4.0) nel rispetto dei valori dell’economica circolare nonché degli aspetti legati alla nutrizione e alle intolleranze alimentari. Il tecnico acquisisce competenze specifiche nell’individuazione e scelta dei prodotti primari nel rispetto della tutela dell'agro biodiversità prediligendo tecniche di trasformazione innovative e sostenibili; nella trasformazione dei prodotti vegetali del territorio adottando le principali tecniche di trasformazione; nella promozione e distribuzione dei prodotti per la diffusione del Made in Italy. È competente in merito alle normative di riferimento, all’identificazione e all’interpretazione degli aspetti ambientali, alle certificazioni comunitarie ed extra-comunitarie e alle procedure nell’ambito della sicurezza sul lavoro. Attraverso appropriate strategie di marketing supporta, inoltre, la promozione e la diffusione dei prodotti del Made in Italy.

 


AMBITO PROFESSIONALE:

Il Tecnico Superiore delle trasformazioni agroalimentari si colloca, con funzioni tecnico-operative, in aziende primarie e di trasformazione agroalimentare o in cooperative, enti e consorzi ad esse associati. In alternativa, può assumere il ruolo di tecnico-specialista in piccole e medie aziende agroalimentari o dare vita a nuove realtà imprenditoriali o associative.Gli sbocchi occupazionali sono previsti soprattutto nelle PMI di trasformazione agroalimentare oppure in realtà imprenditoriali che si occupano della trasformazione e della distribuzione dei prodotti. Si tratta di un profilo di interesse anche per aziende dell'agroindustria che operano nell'ambito della gestione e del monitoraggio di processi di controllo e certificazione dei prodotti. Il diplomato ITS può essere impiegato in vari ruoli professionali: nella programmazione e gestione della produzione, nel controllo qualità e sicurezza alimentare, nella progettazione di nuovi prodotti nel rispetto degli standard di qualità, di sicurezza e conformità secondo le normative italiane, comunitarie e internazionali.

 


AREE AZIENDALI DI RIFERIMENTO:

  • Ricerca e sviluppo
  • Programmazione e gestione della produzione
  • Area di produzione e trasformazione
  • Area comunicazione e marketing
  • Qualità, sicurezza e ambiente
  • Uso di sistemi di guida automatica, sensoristica e piattaforme software per l’agricoltura

 


DURATA PERCORSO FORMATIVO:

1800 ore distribuite in quattro semestri di cui 800 di tirocinio aziendale.


DESTINATARI:

DIPLOMATI (in possesso di diploma di scuola secondaria di secondo grado)


DOCENTI COINVOLTI:

I docenti provengono dal mondo delle imprese, delle professioni, delle università e delle scuole superiori.


METODOLOGIA DIDATTICA:

Il modello metodologico di riferimento è quello dell’alternanza “scuola impresa” caratterizzato da un approccio formativo prevalentemente laboratoriale ed esperienziale, finalizzato ad immergere i partecipanti in un processo di apprendimento in cui sono fortemente coinvolti e stimolati da compiti pratici, concreti e misurabili, analoghi a quelli che gli stessi saranno chiamati a svolgere in azienda.